Lavorazione Spagyrica

Fasi di preparazione dei Fitoblasto

Fasi di preparazione dei Fitoblasto

La preparazione dei macerati glicerici di Erbenobili, i FitoBlasto, oltre a seguire i dettami della Farmacopea Francese, che disciplina le varie fasi da seguire nel processo produttivo, tiene conto delle antiche tecniche di macerazione ed estrazione proprie della Spagyria.

In sintesi ecco le varie fasi produttive:

1. RACCOLTA, PULITURA E TRITURAZIONE DEI GIOVANI TESSUTI EMBRIONALI
Questa prima fase del processo prevede la raccolta di gemme, germogli, radichette provenienti solo ed esclusivamente da coltivazioni controllate e da piante raccolte spontaneamente in aree naturali e lontane da fonti di contaminazione. È la prima fase della filiera fondamentale per assicurare la totale assenza di contaminanti come pesticidi e metalli pesanti che potrebbero essere accumulati in particolare nelle parti ancora indifferenziate delle piante. Dopo la raccolta si passa alla triturazione che permette la rottura delle fibre vegetali, in modo tale da rendere l'estrazione dei principi attivi più rapida ed efficace per la successiva macerazione.


2. MACERAZIONE
La macerazione è una delle fasi fondamentali nella preparazione delle FitoBlasto. Consiste in una prima macerazione con alcol etilico da vino e vino rosso spagyrico per 28 giorni in damigiana, in modo da permettere una più completa estrazione dei principi attivi, estrazione favorita dalla formazione del cosiddetto “microcosmo estrattivo”. Durante il periodo di macerazione la damigiana viene mantenuta in serra e sottoposta alla giusta diffusione di luce, temperatura e musica che forniscono alla preparazione energia vitale. Alla soluzione ottenuta dopo la macerazione viene aggiunta una miscela di acqua e glicerina vegetale in parti uguali. Questa è la fase che differenzia i FitoBlasto Erbenobili da un qualsiasi macerato glicerico, in quanto la presenza di succo di uva arricchisce il preparato di:
- polifenoli,
- antocianine,
- OPCs (protoantocianidine oligomeriche)
- trans-resveratrolo,

Questi fattori sinergizzano con gli altri elementi e associano alla funzione di ripristino delle funzioni fisiologiche dell’organismo propria del gemmoderivato, le azioni antiossidanti e di riduzione del danno cellulare causato dai radicali liberi.


3. TORCHIATURA/SPREMITURA E FILTRATURA
Le fasi finali prevedono una spremitura a freddo del materiale vegetale estratto ed una filtrazione in modo da eliminare le parti grossolane rimaste nel prodotto torchiato.


4. INCENERIMENTO DEI RESIDUI DI GEMME E GERMOGLI TORCHIATI IN PRECEDENZA
I residui di gemme, germogli e radichette torchiati vengono posti in muffola a 750°C ottenendo ceneri ricche di tutte le sostanze inorganiche (in particolare minerali) presenti nelle gemme. Le ceneri così ottenute vengono disciolte in acqua; si porta tutto ad ebollizione, si filtra e si mette nuovamente a riscaldare fino a completa evaporazione dell’acqua. Con questa ultima fase si ottiene la cristallizzazione dei sali contenuti nella gemma. Il residuo così ottenuto viene aggiunto alla soluzione presente in una doppia damigiana ripristinando il “microcosmo estrattivo”, per essere sigillate con il luto, cioè, una striscia di carta imbevuta in una pasta formata da farina, acqua, albume d'uovo e calce chiamato dagli Antichi "Luto di Sapienza". Segue un periodo di 12 giorni al termine del quale, tramite il processo chiamato “circolazione”, il luto si spaccherà e sarà il segno che il macerato glicerico è maturo. Infine si lascia decantare per 40 ore e poi s'imbottiglia, oppure si miscelano più macerati fra di loro se si vogliono fare delle miscellanee spagyriche sinergiche.

Il FitoBlasto così ottenuto è ricco di principi attivi non presenti in nessun altro macerato glicerico.

Diluizione hahnemaniana (da Hahnemann, fondatore dell'omeopatia): il FitoBlasto base subisce poi una diluizione con una nuova miscela di alcol, acqua e glicerina in proporzione di 1:10 (una parte di Fitoblasto base e 9 parti di miscela idrogliceroalcolica) ottenendo così un macerato alla prima diluizione decimale hahnemaniana: FITOBLASTO 1 DH.

Iscriviti alla Newsletter